Wednesday, May 20, 2015

Grazie

E  passato il  tempo in cui riuscivo a scrivere
una frase senza dover ritornare a rileggerla,
a cancellarla e rifarla.
Mi chiedo perché,  e veramente non lo so.
Ora che le mie nipotine sono ormai signorinelle,
sembrano non avere più tempo per me anche se,
quando vengono  a  trovarmi,  sono  sempre  affettuose
e  si  prestano  ad  aiutarmi  nelle  faccende  di  casa
senza brontolare. Ritornano poi nel  loro mondo,
alla moderna vita di ragazze
sulla quale a volte io non sono pienamente d'accordo.
Così  col  tempo libero che mi  è rimasto  dovrei  riuscire
a scrivere,  a  ringraziare gli  amici,
a  coltivare  le conoscenze...
ma non riesco. Sarà colpa del  lunghissimo
e implacabile inverno?
Dei  due mesi   di freddo incessante e continuo ?
Anche questo non so...e mi rivedo seduta al buio
dietro una finestra a guardar fuori cercando un viso,
un segno particolare, una stella cadente o quella
che brillava più delle altre.
Cercavo di capire dove fosse fuggita la mia vita,
così ho riaperto il mio libro dei ricordi.
Da bambina in un paesino sperduto tra le
bocche delle montagne del sud,
era gelosa delle bambine di artigiani,
dei don, di quelle che potevano
mettersi vestitini (venuto d'America)
e che con l'invidio di bambine volevano
a tutto costo farsi dire che erano belle,
anzi le più belle del paese.
Ma che vita strana, prima di iniziare la scuola,
mi ricordo della corriera che ci porto a Napoli
e imbarcare in quella nave
(non ci voleva andare su e a forza di belle
frase della mamma sali con un trepido
nel cuore che nessuno poteva vedere o sentire).
Mai visto in vita mia tanta acqua e noi bambini
era un mondo nuovo d'avventura fin a l'arrivo in alto mare,
non si scherzava più, un giorno, due giorni,
tre giorni chiusi in una cabina senz'aria
credevamo di morire li.
Dopo dieci giorni arrivammo in un posto
cosi differente del paesino che voleva
andarmene con un marinaio che aveva presa cura di noi...
Ma niente da fare, la nave riparti, e noi su un treno
abbiamo continuatala nostra strada per 3 giorni e 3 notte
per arrivare  in UNA GRANDISSIMA CITA.
(mi fermo qui per il momento).

NB: un enorme GRAZIE a Davide, sei un vero
amico.

Tuesday, May 19, 2015

Senza tetto

In questi periodi, no tutti siamo felici o tristi,
no tutti abbiamo un stomaco pieno
o mezzo vuoto, ma ci sono anche quelli
che no riescano a cancellare proteste di un stomaco vuoto.
Un tozzo di pane potrebbe aiutare
ma come succede spesso lo debbo rubare
ai topi del quartiere con velocità
e precisione, altrimenti diventerò
io il loro cibo.  Nascondo le gelature dei
miei piedi tra le notizie dei giornali ingialliti
dal tempo,riempio le scarpe bucate e
non azzeccano più i miei piedi, oramai diventati
un po grandicello per questi.
Sono diventata molto brava a nascondermi in
coperte sfilate pero per me sono dei manti
intrecciate di fili d'argenti rubati alla luna pensando
al calore che mi possono dare. 
Mi nascondo dietro un albero, un vecchio casolare
per sentire i canti e suono un po fuori tuono
i pastori che girano per i paese della pianura e montagne
scavalcando ruscelli diventati torrenti
da un giorno a l'altro.  Sento la nonna
cantare una ninna nanna a un cherubino
con guancia bianche e rosso dal
calore di un camino che rilasci odori
di castagne ben cotte e questo mette
in sbuglio il grande vuoto del mio
stomaco e della mia mente.  Chi sa
perché aver lasciato sfuggire un profumino
d'arancio su un tavolo con dolcetti da
farsi fondere in bocca, ma non quella mia.
Ma io resto nascosta e faro molto
attenzione al cane che si accorge che
non faccio parte della sceneggiature
quotidiana sua e mi avverte di non avvicinarmi
troppo. Rialzo un mantellino trovato fuori
di una mangiatoria, rimetto un capello
di paglia secca in testa e ritorno a
nascondermi dietro la mia vita di
poverello di questa vita, con fiocchi
di neve e gelo che mi terra compagnia
fin a la mia prossima caminata per trovare
cibo.....

Guardi questo cielo...

Guardo questo cielo

mi chiedo....
chi ci mette
tutti queste nuance di colori che
nessun artista umano
può eguagliare....
Cerco nel mio più profondo
qualcosa o qualcuno che
possa dirmi come si fa
a non volerci andare e
vagare come una di queste
nuvole!
Un giorno l'uomo si vanterà
di potere inventare una nuova
parola che vuole dire.. :
"Sono l'anima di questo mondo,
mi nascondo tra una nuvola
e mi lasciero andare dove vuole
io no opposero il suo tragitto,
e cosi la mia anima sarà
il capitano silenzioso delle
nuvole...".


Tuesday, April 28, 2015

Arrivera ....

Arrivera,
un giorno
dove si ritornera indietro
solo per ricordare
un qualcosa al cui non ci si
crede piu .....



https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=Hc7lzGBz_xc#t=42

Tuesday, April 14, 2015

Il biricchino

Oggi esco fuori del mio campo
parlando di un animale cosi piccolo
e molto insolente.
Dalla nascita si fanno sentire con gemi
senza sosta nascosti sui rami d'alberi
con le foglie per mantenerli caldi e fuori
vista dei predatori.
Poveri genitori anche questi scappano per non sentirli più.
Nascosti tra foglie, rami piccoli e grandi, non puoi
far altre che fermarti e cercare di vedere di dove vengano
quei gemi dall'alba al tramonto.
Ti metti le ottura orecchie,
ma se te li togli, si sente un vacarno di gridi,
misto con quel del cane del vicino, il gatto
che si trova a mezza strada tra la cima dell'albero
e il boschetto di fiori pieni di spine.
Sono acrobati dalla nascita,
diventano birichini ed in fine insolenti,
il più bello e che se la ridano di chi gli fa opposizione
fiduciosi di vincere la partita tra loro e noi umani.
Ti giri e vedi partire i primi pomodorini,
i primi cetrioli ancora piccoli e tenerissimi
che tu hai detto saranno fantastici tra 2 or 3 giorni.
L'autostrada dei scoiattoli
(un file elettrico dovuto essere ricoperto) per il
troppo traffico e da fastidio ai telefoni di casa.
2 tecnici ci hanno messo 2 giorni per arrivare
a la conclusione di ricoprire questi fili
dai animaletti volanti e senza vergogna.
Mentre tu ti giri questi sono pronti a beccarsi
i frutti dei tuoi lavori di giardinieri.
Fai attendi ai buchi nel giardino
il posto preferito per nascondere i lori frutti
e dire che noi umani ci dimentichiamo dove
abbiamo messo le chiave o lasciata la nostra
testa. A volte ti fissano e con una botta di coda
per distrarti e via spariscano sui alberi al
sicuro.
I cani ne hanno paura, i gatti trovano che sono
un po grandi per topi e gli uccelli non c'è la
fanno più a sentirli gridare....
questi sono i nostri amici o nemici,
e cosi viviamo e lasciamo vivere.

Saturday, March 28, 2015

E la mia vita (premi foto per ascoltare)

https://video.search.yahoo.com/video/play;_ylt=A0LEVvZOcBdVxUMAuY4nnIlQ;_ylu=X3oDMTB0ZjNuMHJ1BHNlYwNzYwRjb2xvA2JmMQR2dGlkA1lIUzAwM18x?p=e+la+mia+vita+lyrics&tnr=21&vid=750D89EBB6FC14FCF833750D89EBB6FC14FCF833&l=223&turl=http%3A%2F%2Fts3.mm.bing.net%2Fth%3Fid%3DUN.608041608692305374%26pid%3D15.1&sigi=11rdjgehg&rurl=https%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DijkEzyidT2E&sigr=11b7h8hm4&tt=b&tit=E+La+Mia+Vita+%2F+It%26%2339%3Bs+My+Life+-+Al+Bano+Carrisi+-+Lyrics+...&sigt=11vuijhqj&back=https%3A%2F%2Fsearch.yahoo.com%2Fyhs%2Fsearch%3Fp%3De%2Bla%2Bmia%2Bvita%2Blyrics%26ei%3DUTF-8%26hsimp%3Dyhs-001%26hspart%3Dmozilla&sigb=1304q4t7s&hspart=mozilla&hsimp=yhs-001
Questa notte sento una malinconia
a farmi quasi piangere.
Ma ho ritenuto le mie lacrime e le ho lasciate
a quelle persone che nelle lore vite ancora non
riescano a farle uscire fuori dell'anima.
Quasi pianto per le 149 persone morte senza
nessuna altra ragione che quella di avere sulle
lore teste un brutto destino.
Dopo la storia vista in TV di un cantautore Sig.Volare
che ho sentito sempre cantare da bambina,
e che mio padre aveva conosciuto nei lori tempi.
Penso al dolore della copia A & R Power,
io per una uscita che ho mancato sull'autostrada
in Puglia sono arrivata troppo tardi a la tenuta
di questi persone e ho incontrato solamente
lui A.  Ma gia era l'inizio della lora rottura per
la scomparsa della figlia (che ancora oggi non
si sa che destino avevo a la sua nascita.).
Sento tutto il peso del mondo sulle mie spalle
e cosi ascolto alternando tra i brani di Modugno
e quelli di A & R Power.
Tutti vogliamo essere padroni della nostra vita,
e cosi se premo su questa foto ascoltero e pensero
a "E la mia vita".




Saturday, March 14, 2015

Fortuna nella sfortuna....

La fortuna corra dietro chi non la sa
prendere in considerazione.
Io gli chiede sempre di fermarsi
per darmi l'occasione di chiedergli
il perché non si ferma per me.
Sognava di andare non dico per
un mese ma solo per qualche giorni
a vedere il mare Esmeralda e
godermi di una tranquillità mi
credo ben meritata dopo quest'inverno
polare.  Ma ecco che una sensazione
mi disse che non mi sarei mosto di
casa e delle facendo quotidiane.
Un tubo d'acqua si rompe e mi
ritrova con quasi mezzo metro
d'acqua in casa.
Che disastro.....
tutto e rovinato, i vigili del fuoco
accorsi per rimuovere l'acqua.
Sporca e di odore a far svenire
i più forti uomini.
Lettori vi giuro che sono anche
stata fortunata nella mia sfortuna.
E se questo fosse successo mentre
che era a godermi una spiaggia
dove il mare e caldissimo,
sabbia dorata e fine.... e va bene
mi debbo accontentare dell'acqua
gelata e sporca della città.
Con gran sorriso debbo pulire il tutto
e può darsi, dico bene PUÒ DARSI,
faro un zaino e raggiungerò
il sole dei Caraibi.

Wednesday, March 11, 2015

Passato


"Imagine a soul just laying there
and contemplating that sky,
each cloud has a secret,
each ray as a dream,
those stones full of sweat
and salty tears, were hard
on someone's back to
build a castle. But other
times laughs could be heard
as far away as the mountains.
Today all is silent and in
shambles since it lost the
laughs and cries of humans..."
***************************
"Fa che lì riposi la tua anima
contemplando quel cielo,
ogni nuvola racchiude un segreto,
ogni raggio illumina un sogno,
quelle pietre pregne di sudore
e di lacrime salate
erano pesanti sulle spalle
di quanti costruirono un castello.
Ma in altri tempi si sentiva ridere
fino a quelle lontane montagne.
Oggi tutto è silenzio e
rovina da quando si sono perse
le risatee e il pianto degli esseri  umani..."

NB: Davide, io insieme ad alcuni
lettori ti ringraziamo per il tuo
immenso aiuto.

Sunday, March 8, 2015

Canto del fiume.

Dopo il letargo invernale
sotto una massa di ghiaccio,
il fiume spezza l'allucinante silenzio
e risvegliandosi gorgoglia,
scroscia e nel frangersi in flutti,
comincia il suo nuovo canto:
"La mia gelida veste trasparente
s'è strappata al primo tepore
e ho tolto la bianca coperta
che ha nascosto il mio sonno.
Lasciatemi ora cantare al cielo
nella luce dei primi raggi del mattino
mentre gabbiani, aironi, anatre
si vanno specchiando vanitosi
nelle mie dolci e limpide acque.
La mia vivace corrente bacia
anche qualche pesce che guizza
sulla calda scia dei battelli
che serpeggiano come rettili
tra i miei frammenti ghiacciati.
Lasciatemi urlare con il vento
che spira alle mie spalle,
lasciate che vi racconti
lontane storie confidatemi
quando fulgido spunta il sole.
Birichina la luna mi chiede
chi è l'astro più bello del cielo
ed io povero cantautore le dico
che è lei, tra le tante stelline
sul suo cammino notturno.
Lasciatemi cantare le mie storie
ai curiosi pescatori d'altri paesi
che non temono i rigori dell'inverno,
e a quanti  impazienti aspettano
lo sbocciare dei primi fiori.
Ah, se l'uomo potesse ascoltare
e comprendere la mia canzone
saprebbe che un giorno tutto questo,
per lui e per i figli dei figli,
non esisterà più... e allora la musica
si tacerà per tutti..... per sempre"

(ma le note di questa melodia
nella memoria del mondo
impresse resteranno in eterno. )
NB:Davide merci.                           

Donna

Buona giornata a tutte le DONNE del
mondo.Bonne journee a toute les femmes du mondo.Happy woman's day to all.