Saturday, March 28, 2015

E la mia vita (premi foto per ascoltare)

https://video.search.yahoo.com/video/play;_ylt=A0LEVvZOcBdVxUMAuY4nnIlQ;_ylu=X3oDMTB0ZjNuMHJ1BHNlYwNzYwRjb2xvA2JmMQR2dGlkA1lIUzAwM18x?p=e+la+mia+vita+lyrics&tnr=21&vid=750D89EBB6FC14FCF833750D89EBB6FC14FCF833&l=223&turl=http%3A%2F%2Fts3.mm.bing.net%2Fth%3Fid%3DUN.608041608692305374%26pid%3D15.1&sigi=11rdjgehg&rurl=https%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DijkEzyidT2E&sigr=11b7h8hm4&tt=b&tit=E+La+Mia+Vita+%2F+It%26%2339%3Bs+My+Life+-+Al+Bano+Carrisi+-+Lyrics+...&sigt=11vuijhqj&back=https%3A%2F%2Fsearch.yahoo.com%2Fyhs%2Fsearch%3Fp%3De%2Bla%2Bmia%2Bvita%2Blyrics%26ei%3DUTF-8%26hsimp%3Dyhs-001%26hspart%3Dmozilla&sigb=1304q4t7s&hspart=mozilla&hsimp=yhs-001
Questa notte sento una malinconia
a farmi quasi piangere.
Ma ho ritenuto le mie lacrime e le ho lasciate
a quelle persone che nelle lore vite ancora non
riescano a farle uscire fuori dell'anima.
Quasi pianto per le 149 persone morte senza
nessuna altra ragione che quella di avere sulle
lore teste un brutto destino.
Dopo la storia vista in TV di un cantautore Sig.Volare
che ho sentito sempre cantare da bambina,
e che mio padre aveva conosciuto nei lori tempi.
Penso al dolore della copia A & R Power,
io per una uscita che ho mancato sull'autostrada
in Puglia sono arrivata troppo tardi a la tenuta
di questi persone e ho incontrato solamente
lui A.  Ma gia era l'inizio della lora rottura per
la scomparsa della figlia (che ancora oggi non
si sa che destino avevo a la sua nascita.).
Sento tutto il peso del mondo sulle mie spalle
e cosi ascolto alternando tra i brani di Modugno
e quelli di A & R Power.
Tutti vogliamo essere padroni della nostra vita,
e cosi se premo su questa foto ascoltero e pensero
a "E la mia vita".




Saturday, March 14, 2015

Fortuna nella sfortuna....

La fortuna corra dietro chi non la sa
prendere in considerazione.
Io gli chiede sempre di fermarsi
per darmi l'occasione di chiedergli
il perché non si ferma per me.
Sognava di andare non dico per
un mese ma solo per qualche giorni
a vedere il mare Esmeralda e
godermi di una tranquillità mi
credo ben meritata dopo quest'inverno
polare.  Ma ecco che una sensazione
mi disse che non mi sarei mosto di
casa e delle facendo quotidiane.
Un tubo d'acqua si rompe e mi
ritrova con quasi mezzo metro
d'acqua in casa.
Che disastro.....
tutto e rovinato, i vigili del fuoco
accorsi per rimuovere l'acqua.
Sporca e di odore a far svenire
i più forti uomini.
Lettori vi giuro che sono anche
stata fortunata nella mia sfortuna.
E se questo fosse successo mentre
che era a godermi una spiaggia
dove il mare e caldissimo,
sabbia dorata e fine.... e va bene
mi debbo accontentare dell'acqua
gelata e sporca della città.
Con gran sorriso debbo pulire il tutto
e può darsi, dico bene PUÒ DARSI,
faro un zaino e raggiungerò
il sole dei Caraibi.

Wednesday, March 11, 2015

Passato


"Imagine a soul just laying there
and contemplating that sky,
each cloud has a secret,
each ray as a dream,
those stones full of sweat
and salty tears, were hard
on someone's back to
build a castle. But other
times laughs could be heard
as far away as the mountains.
Today all is silent and in
shambles since it lost the
laughs and cries of humans..."
***************************
"Fa che lì riposi la tua anima
contemplando quel cielo,
ogni nuvola racchiude un segreto,
ogni raggio illumina un sogno,
quelle pietre pregne di sudore
e di lacrime salate
erano pesanti sulle spalle
di quanti costruirono un castello.
Ma in altri tempi si sentiva ridere
fino a quelle lontane montagne.
Oggi tutto è silenzio e
rovina da quando si sono perse
le risatee e il pianto degli esseri  umani..."

NB: Davide, io insieme ad alcuni
lettori ti ringraziamo per il tuo
immenso aiuto.

Sunday, March 8, 2015

Canto del fiume.

Dopo il letargo invernale
sotto una massa di ghiaccio,
il fiume spezza l'allucinante silenzio
e risvegliandosi gorgoglia,
scroscia e nel frangersi in flutti,
comincia il suo nuovo canto:
"La mia gelida veste trasparente
s'è strappata al primo tepore
e ho tolto la bianca coperta
che ha nascosto il mio sonno.
Lasciatemi ora cantare al cielo
nella luce dei primi raggi del mattino
mentre gabbiani, aironi, anatre
si vanno specchiando vanitosi
nelle mie dolci e limpide acque.
La mia vivace corrente bacia
anche qualche pesce che guizza
sulla calda scia dei battelli
che serpeggiano come rettili
tra i miei frammenti ghiacciati.
Lasciatemi urlare con il vento
che spira alle mie spalle,
lasciate che vi racconti
lontane storie confidatemi
quando fulgido spunta il sole.
Birichina la luna mi chiede
chi è l'astro più bello del cielo
ed io povero cantautore le dico
che è lei, tra le tante stelline
sul suo cammino notturno.
Lasciatemi cantare le mie storie
ai curiosi pescatori d'altri paesi
che non temono i rigori dell'inverno,
e a quanti  impazienti aspettano
lo sbocciare dei primi fiori.
Ah, se l'uomo potesse ascoltare
e comprendere la mia canzone
saprebbe che un giorno tutto questo,
per lui e per i figli dei figli,
non esisterà più... e allora la musica
si tacerà per tutti..... per sempre"

(ma le note di questa melodia
nella memoria del mondo
impresse resteranno in eterno. )
NB:Davide merci.                           

Donna

Buona giornata a tutte le DONNE del
mondo.Bonne journee a toute les femmes du mondo.Happy woman's day to all.

Saturday, February 28, 2015

Pari....

«Le soleil se lève avant moi,
moi je me couche après lui :
nous sommes quittes.»
 


"Il sole s'alza prima di me,
io vado a dormire dopo di lui,
cosi siamo pari ...."

Tuesday, February 24, 2015

No credo ?



Questo titolo sarà per giustificarmi
con i lettori - no ricordo se già lo
pubblicato.

"Scrivere, ma a cosa serve scrivere...
Da bambina mi nascondeva e nel mio
cervello leggeva tutto CIO che io voleva
leggere a modo mio, bastava solamente
che erano libri dove non avevo bisogno
di un dizionario per capire quelle parole
troppo sofisticate per me.
Tante riviste, tanti foto romanzi,
tra lenzuola e coperte, con una
minuscola luce leggeva, a volte
lacrime scorrevano sul mio viso
infantile, a volte no mi poteva
fermare di ridere ma sempre in
sordina per non farmi sentire dai
genitori.
Le mie fate, i miei demoni, i miei
cavallieri mediovali tutti entravano a
far parte dell'avventura nel mio cervellino.
A scuola era una frana, niente
entrava in testa e non ricordava niente
dopo 5 minuti, pero avevo l'amore
della lettura. Dai libri di Voltaire,
Camus, Collette o Pirandello (l'unico
autore italiano) che mi attirava
a leggere di nascosta.
Una volta sposata divorava i
libri ad ogni momenti. Aveva
una buona scusa ... (faceva più
di un'ora e mezzo di autocarro
per andare a lavorare al giorno)
e cosi i libri erano i miei compagni,
i miei complici, tra le pagine di questi
inseriva una carta, un mezzo foglio
piene di parole, descritto di persone
per infine metterli tra le storie create
in quei momenti di solitudine e di
gioia - nessuno era li per ostacolarmi
con le idee mie no piu infantile,
sapendo bene che nulla poteva uscire di
quei miei scritti... Poi e arrivato
il pc. una scatola che fa impazzire
gli esseri umani, e messo da parte
tutti quei libri,fogli,e perso l'amore
di scrivere ciò che mi veniva in testa
per un bel po di tempo, avevo persa
il stimolo e il gusto delle parole......


Friday, February 20, 2015

Quarto di luna

Che spettacolo la natura ci ha regalato.
Un freddo da cane incessante da giorni,
fiocchi di neve a coprire la terra,
ancora un'altra giornata di freddo intenso
e questa sera a l'ora blu, cosi si vede nel
cielo un quarto di luna un po timida
che unita a la stella, scivolano tra alcune nuvole
a giocare a nascondino.
Il mondo era silenzioso, nessuno umano o animale
fuori per spezzare l'incantesimo del piu bello
spettacolo in un cielo bellissimo una notte di febbraio..

Wednesday, February 18, 2015

La bella e la bestia.

 












"Use those powerful claws to hold on to life!
Fight!  Get up and let out a roar--scare death away!" .


"Usa quei forti artigli per mantenere la vita,
combatti,
Alzati e lasci il tuo grido spaventare via la morta".

La storia dietro questo post:

Beauty and the Beast (1946) trailer

A 1946 French romantic fantasy film adaptation of 
the traditional fairy tale of the same name. 
La Bestia era Jean Marais
La Bella era Josette Day

Wednesday, February 11, 2015

Una vita passata

La vita passata è come una vecchia stella
destinata pian piano a perdere luce.
Volti irreali s'intrecciano nella mente
dove pungente riaffiora il dolore
nascosto dietro un invisibile velo.
Oggi ancora sarò sconfitta dall'immagine
che ho di te seduto su quella roccia
con il fil di fumo della tua sigaretta
che sembra non consumarsi mai.
Ho urlato il tuo nome nel vento,
ma il vento non conosce alcun nome,
e lascia senza risposte il mio grido.
Si fa beffe di me credendomi pazza
e soffia impetuoso sulla mia passione
come un ardente tizzone che avvampa
e cenere soltanto lascia nel cuore.
Ho gridato il tuo nome alla pioggia
che al mattino intensa scrosciava,
ma la pioggia ha soltanto lavato
le calde, mie ultime lacrime.
Allora all'orizzonte ho visto il sole
che sorgeva sulla tua isola verde
confortando il mio pianto dirotto.
Lui, certo ascolterà il mio lamento
senza farti sapere che ogni giorno,
un po' di me sta morendo
mentre il vento finalmente tace,
la pioggia continua leggera
e dal volto scivola fino all'anima.

NB: Grazie amico Davide