Wednesday, November 30, 2016

Tempi che non ritornano

Buona giornata o serata a tutti
gli amici ed anche quelli che non considero
amici, ma bensì solo conoscenze.
Oggi ho deciso di andare a trovare un
vecchio zio. Era da anni e anni che
diceva domani andrò a vederlo,
ma giorni, mesi ed anni sono passati
e la scusa era per la mancanza di tempo.
 E pure oggi l'ho trovato il tempo...
Sono rimasta un po sbalordita a vedere un
zio ridotto a quasi no riconoscerlo più.
Era un uomo fantastico della mia
infanzia, aveva sempre una storiella a
raccontare per noi bambini e farci
ridere come matti. Oggi non aveva più
quel bel sorriso di un tempo,
l'umore era invisibile e non mi
venive neanche un finto sorriso,
mi sa che anche se nei prima anni dei
sui novanti e piu, io no me lo ricordavo
cosi triste. 
A se l'umanità sapesse quello che gli
succede con il passare dei anni, cosa
diventiamo, e come la vecchiaia si
presenterà a noi che siamo dietro a
questi vecchi, oggi sono loro in prima
linea, domani sarò io a prendere il suo
posto, ma ancora non ci credo e mi sono
giurata di almeno chiamarlo se non riesco
ad andare a trovarlo.
Ciao Zio, resterai sempre il zio della mia
infanzia, con i ricordi, risate e storielle.

Monday, November 14, 2016

L'invasore

Nel mondo effettivamente cose strane
stanno succedendo. Cambiamento di clima,
aria infetta che rende gente ammalati,
cibo marcio che passa per il migliore
cibo che nostra generazione si crede di
mangiare, e tutto ciò mi stupiscano più
di alcune guerre nel mondo, le guerre si
possono fermare, ma le stranezze no.
Sto cercando il mio cammino tra boschi,
fiumi, nazione, ma nessuno può spiegarmi
queste stranezze insieme a le mie paura.
Posso alleviare le paura del mondo che ho
chiuso in un cassetto. Ho usate queste solo
per me stessa, di sicuro non per aiutare gli
altri. Primo o poi il mondo mi chiederà di
rendere conto, ma io non sarò pronta a
giustificarli, perché ancora non capisca
queste paura che mi assaltano ogni istante
ad ogni fiato che prendo.
Ho risentito un brivido a l'affermazione di
mio cuore "ho un invasore che per il momento
dorma...".
Conviviamo il stesso corpo, la stessa menta,
se io corro, anche l'invasore corre insieme a
me, se grido - il suo grido e più forte del
mio. Se il mio pianto e silenziose - il suo
e molto più doloroso. L'invasore mi prende
in giro e sa aspettare, ma io non mi arrenderò
a questo invasore, faro del mio meglio a
mandarlo via, perché io voglio sentire la
mia anima vibrare, vibrare e vibrare a
l'infinito, senza rendere conto a nessuno
all'altro che me stessa. 
Come faro, cosa dirò per giustificare questa
convivenza con il mio invasore al mio fianco
su quel palco scenico che chiamiamo mondo
infinito. Fammi ballare finché no possiamo
più muoverci, si ballare con te invasore
finalmente potrai toglierti la tua maschera
e cosi al suono dei violini balleremo, balleremo
ancora ed ancora stretti stretti con il mio
soffio sul tuo viso che si scioglie con il tuo,
no ti chiederò di essere un ballerino ma solo
il mio compagno durante questi versi di musica
e pian pian chiuderemo i nostri occhi insieme
e voleremo al d'ila con le note del nostro
ballo e ti seguirò invasore, amore, amante,
zingaro o sei la mia anima .....

Thursday, November 10, 2016

Dance me to the end of love

There is no words to say goodbye to a great man.

Leonard Cohen 

https://www.youtube.com/watch?v=NGorjBVag0I



Let your spirit freely dance until the end of times...

R.I.P.


Sunday, November 6, 2016

Cambiamente orario

Haaaaaaa, haaaaaaaaaa, haaaaaaaaaaaaa
insonnolita ancora non riesco ad aprire un
occhio per vedere perché il sole e li che
bussa a la mia finestra.  Il sole ma non e
quello che deve alzarsi prima di noi poveri
umani!
Beh sembra che questo ora si alza molto più
prima e viene a rompere i miei bei sogni.
La sua luce e forte, chiara, abbaiante e con
se si porta tutto la fauna per svegliarmi, io
che ancora non riesco ad uscire fuori delle
mie belle coperte con i miei piedini ben al
caldo. Pian pian apre un occhio e lo richiudo
in fretta, apro l'altro occhi e questo si chiude
solo in un attimo, senza chiedermi se lo può
fare. Il vento si porta tante di quelle foglie
colorate di giallo, verde, rosse, marrone,
arancione e pure quando toccano la terra
fanno un rumore assordente, possibile
che quelle stesse foglie stanno creando un
tappetino solo per me....
No lo credo proprio, quel tappetino con
il freddo ghiacciale diventa un vero e proprio
pericolo per la fauna, per gli uomini e per
quelli che come me ancora non riescono
a darsi pace che l'autunno e proprio qui per
restarci finché non arriva i fiocchetti bianchi
ed allora io diventerò come l'orso che si mette
nella sua tana ed aspetta che arriva la primavera,
schiocca che sono dovrò contare tanti di quei
giorni che meglio che io mi alza e continua la
mia vita prima che finisce e non potrò più gioire
il mio tempo su questa terra........

Saturday, November 5, 2016

Frastuono

Il frastuono dei fuochi
durante un'esplosione
atmosferica notturna,
ci porta ai confini del
nostro viaggio versi
orizzonti dove troveremo
la sponda che ci aspetta.
Ma non basta un ricordo per
comprendere quella voce
della solitudine avvolgersi
su questa riva dove ogni
impronti lasciati dai nostri
passi sia per attimi o ore
non basterà a farci comprendere
il messaggio del vento che
ci porta parole che vengano a colpire
i nostri esasperati cuori già sapendo,
che cuori chiusi non sono ascoltati.
Come siamo arrivati a questo punto!
Le nostre scuse, speranze, auguri,
un bacio rubato qua e la, i nostri
"Ti amo" erano tutto cosi fragili da
scivolare silenziosamente nel
nulla, come questi esplosione di
fuochi che si perdano al toccare
il confine del nostro viaggio non più
trascorsi insieme io e te,
distratti da un luccico bagliore
insignificante, persi da una fiducce
immensa dai nostri occhi, abbiamo
trascurato il vero significato di
quei "Ti amo" ....

Monday, October 31, 2016

Questa sera....

Una serata dove tutto puo succedere,

Una serata dove bimbi e quelli classificati
meno bimbi si ritrovano per le strade
a celebrare cosa ... questo io ancora... non
sono riuscito a comprenderlo.
Io questa sera vedo una natura che ancora
non e completamente morta, ma bensì
sul soglio della follia sia per i media o per
i vecchi racconti dai nostri antenati per
farci addormentare più presto in quei primi
giorni scuri, umidi e freddi.
Io sento il vento che corre tra i miei fiori
alcuni veri, alcuni artificiali, vedo il vento
correre tra questi e no li fa muore come
siamo abituati a vedere.
Sara una corrente d'aria invisibile o visibile
solo ai occhi della mia fotocamera?
Spero che nessuno vengo a bussare a la mia
porte per mendicare bonbon, perché io sono
pronto con un pacco di carboni vecchi di
più di 50 anni, mai usati dai miei per paura
di mancarne durante i mesi d'inverno.
Una maschera con due mezzi di visi
un lato bellissimo, un altro lato brutto come
il diavolo, ornerà il mio viso naturale ed una
vecchia strofina pavimenti per capelli, ma
che nessuno vedrà, perché sarò io il vento,
sarò io, il porta gioia dei piccini e meno piccini
una versione moderna della vecchia strega
con il mano centesimi e bonbon per tutti quelli
che non avranno paura di avvicinarsi e darmi
un bacino sulla guancia........
e viva la pazzia moderna del 31 ottobre. 

Saturday, October 29, 2016

Camminando verso l'obbiettivo.


Camminando sul sentiero dei ricordo
colorati si può anche sentirsi
in un altro mondo. No temere cara,
seguimi e vedrai che troverò l'uscita
di questo luogo per poi ritrovarci solo
al nostro nido io e te come ai tempi di
una volta.  Ci siamo ben preparati
io porto una bottiglia di vino che piace
a te, e tu porti 2 panini riempiti di
bontà.  Un caffè liscio per te ed un
caffè corretto per me e poi via a la
cuccia dove ci  divertiremo,
a la faccia di chi dice che la terza eta
no può farlo.....

Friday, October 21, 2016

Tra passato e futuro


Il passato ci raggiunge quando
o dove meno lo cerchi.
Si può sognare, correre,
nascondersi tra i fogli
del tempo in un libro
riempito di polvere,
ma questa polvere non ti
lasce mai.
Se un giorno scopri chi sei
e perché ci sei, continui la
tua strada e non pensare al
passato, ma non nasconderti.
Può darsi che cambi di fisico,
il tuo linguaggio sia più ripulito,
i tuoi metodi di movimenti
non siano quelli del passato,
il tuo abbigliamento non sembra
convenzionale, ma tu sai da dove
vieni e chi sono i tuoi di quel periodo
sia fiero e vai con la tua testa alta
verso un futuro che e stato creato dai
antenati solo per te uomo universale
e vagabondo. Tutto  ti e messo tra le
mane ma non sempre sai riconoscerlo......

Thursday, October 20, 2016

Il sentiero


Al bordo del sentiero restai congelata
no di paura perché la luce filtrava tra
i rami di milli alberi, ma era il silenzio che mi rendeva
cosi nervosa quasi a far fuggire gli
animaletti del bosco. 
Nessuno uccello mi veniva incontro,
l'unico lepre si teneva lontano dietro un
tronco d'albero come se quello fosse un armatura
protettiva contro i miei passi congelati nel
tappetto di foglie ancora vive della lor caduta.
Il solo non riusciva a fare la grande entrata
e cosi non aveva la mia ombra come compagnia,
ma solo una sensazione di essere seguita, da
chi, da cosa e perché?
Un passo avanti, dopo un altro e poi preso
il mio coraggio a due piedi e via a correre
per trovare l'uscita creando il grande panico
tra i piccioni, alcune cornacchie, scoiattoli,
in fine anche un topolino che mi seguiva da
un bel po di tempo.
Ma ci ritornerò li in quel luogo solo per
farmi capace che ero io a tremare di angoscia
e no il luogo dove c'è tanta pace, colori
e vita.....

Thursday, September 29, 2016

Sangue universale

Mi fermo per ascoltare il mio sangue
scorrere tra le mie vene.
Limpidità e consistenza c'è ne poco.
Ieri aveva acqua che scorreva in tutte
le estremità visibile e invisibile della
mia statura umana, e domani mi parleranno
sulle aspettative e valori di questo mio
sangue universale. No posso spargere
ed non assumere la mia responsabilità
di questo liquido millenari feroce,
con le sue  proprietà distinte, a una
vita tutta sua, richiede attenzione,
manutenzione, fluidità, consistenza,
beh sono parole che mi dice il
medico che si scatena ad ognuna delle
mie visite al suo ufficio.
Io gli chiedo questo e dopo gli do la
mia carta di credito perché lui
consigli gratuiti non ne da.
"Doctor, ma tu ti muorerai un giorno 
come me!".
Lui perplesso abbassa gli occhi e con la
mano mi manda via.....
A me a risolvere i problemi della vita,
non a lui.